Salta gli elementi di navigazione
banner
logo ridotto
logo-salomone
SMA Sistema Museale di Ateneo

PIM - Petites Îles de Méditerranée



Il programma


Dal 2006 il Conservatoire du Littoral francese coordina un interessante programma internazionale dedicato alla promozione e al supporto gestionale delle piccole isole del mediterraneo, cofinanziato dal Fondo Francese per l’Ambiente Mondiale (FFEM), dall’Agenzia Francese per l’Acqua e dalla Città di Marsiglia.
Il programma si chiama PIM (Petites Îles de Méditerranée) e ha, tra l’altro, promosso una fertile collaborazione tra naturalisti e biologi esperti di varie discipline per raggiungere uno degli obiettivi fondamentali come premessa alla salvaguardia di questi meravigliosi ma fragili ecosistemi: il censimento delle forme di vita che li abitano e che spesso vi si rifugiano, scomparsi o minacciati dai fronti più svariati sulle terre continentali, come su piccole zattere alla deriva...


La partecipazione del Museo di Storia Naturale


Il MSN di Firenze ha partecipato negli anni scorsi ad alcune delle missioni scientifiche organizzate sui micro-arcipelaghi del Mediterraneo occidentale e lo scorso maggio ha curato la parte botanica della prima missione PIM organizzata nella parte orientale del Mare Nostrum, svoltasi con la preziosa collaborazione di colleghi locali nelle acque albanesi dello Stretto di Corfù, su isolotti pressoché ancora sconosciuti dal punto di vista botanico e zoologico.

I dati raccolti, ancora in studio, saranno pubblicati congiuntamente a quelli di altri colleghi geologi, botanici e zoologi. Nel corso di 4 giorni di escursioni sono state raccolte alcune centinaia di reperti vegetali, oggi custoditi presso il nostro Museo, tra i quali anche alcune specie rare o segnalate per la prima volta sul territorio Albanese. Insieme a quelli del progetto AGRONICKEL, piace pensare che i campioni d’Albania rappresentano un importante arricchimento delle nostre collezioni sulla via già tracciata oltre un secolo fa da Antonio Baldacci, botanico bolognese che percorse lungamente quelle terre e lasciò anche al Museo fiorentino gran parte delle proprie raccolte.


Referente MSN: Lorenzo Cecchi

 
ultimo aggiornamento: 23-Mag-2018
Unifi Home Page

Inizio pagina