Salta gli elementi di navigazione
banner
logo ridotto
logo-salomone
MSN Museo di Storia Naturale

Collezione elbana

La collezione elbana costituisce la più completa rappresentazione del paradiso mineralogicoche era l’isola nella seconda metà dell’800. Di particolare interesse, sul territorio elbano, le zone del Monte Capanne, le pegmatiti di S.Piero e S.Ilario in Campo, le miniere di Rio ed infine quelle di Calamita. Zone che sono significativamente rappresentate nella collezione, con particolare evidenza di campioni della zona pegmatitica di S. Piero e S. Ilario e di quelli delle miniere di Rio, come dimostra la presenza di ben 628 ematiti, 574 tormaline e 555 ortoclasi. Di particolare rilievo sono gli esemplari di tormaline (elbaite), talvolta in associazione con splendidi berilli incolori, quarzo, lepidolite e ortoclasio. Su tutti spiccano la porzione di geode tappezzata da 132 cristalli di elbaite proveniente da Grotta d’Oggi e le splendide tormaline rosa estratte a Facciatoia, accanto ai quattro enormi blocchi di graniti, detti i “quattro evangelisti”. Spiccano poi il campione di ilvaite di Torre di Rio,  forse il più grosso esemplare estratto di questo minerale; i grossi cristalli di pollucite, raro minerale contenente cesio; le variopinte limoniti (oggi goethiti) ed ematiti. I campioni dell’Isola d’Elba furono riuniti nel 1914 in un’unica collezione dall’allora direttore del Museo Federico Millosevich, con l’accorpamento di tre diverse raccolte: il materiale antico del ‘700 e primo ‘800, la raccolta Foresi (circa 2500 esemplari) e quella Roster (circa 1500 esemplari), acquistate rispettivamente nel 1877 e nel 1888.

 
ultimo aggiornamento: 28-Lug-2017
Unifi Home Page

Inizio pagina