Salta gli elementi di navigazione
banner
logo ridotto
logo-salomone
MSN Museo di Storia Naturale

Adotta una pianta in cera

Aderendo a questa formula puoi contribuire al restauro di un esemplare che ha necessità di un intervento conservativo.

La collezione delle piante in cera, ospitata nella Sezione di Botanica, raggruppa riproduzioni a grandezza  naturale di quasi 200 specie di piante in vaso e altrettanti frutti, oltre a 37 modelli su tavola di legno, illustranti l’anatomia, la patologia e la fisiologia vegetali.
Le cere, riprodotte nei più piccoli dettagli e realizzate tra la fine del XVIII e la metà del XIX secolo, sono uniche al mondo e hanno un grande valore artistico, storico e anche scientifico.
Gli artisti che realizzarono la collezione delle piante in cera, i cosiddetti “ceroplasti”, erano gli stessi che allestirono la strabiliante collezione di cere anatomiche conservate nella Sezione di Zoologia. Essi copiavano i vari soggetti dal vero, con la collaborazione di diversi scienziati – anatomisti, fisiologi, botanici e addirittura microscopisti – per poter raggiungere la massima veridicità scientifica. Addirittura, alcune parti della pianta vera venivano “trapiantate” sull’opera in cera, come per esempio gli aculei, realissimi!

La bellezza dell’opera era parte integrante della raffigurazione scientifica: lungi dall’essere fredde e distanti, queste piante di cera sono anche alloggiate in finissimi vasi di porcellana Ginori Doccia appositamente realizzati per questo scopo e recanti nel cartiglio il nome scientifico della pianta raffigurata, secondo la classificazione di Carlo Linneo.

La Collezione Lorenese delle piante in cera ha bisogno ora di un intervento di restauro che ripari le rotture e i danni che più di 200 anni di vita le hanno inevitabilmente arrecato nonché per recuperare  i colori offuscati, le foglie cadute, i petali danneggiati e  il fascino “esotico”.

Il restauro, affidato all’esperienza dei restauratori del prestigioso Opificio delle Pietre Dure, necessita di fondi che possano finanziare nel tempo il pieno recupero di questa unica collezione.


Per chi volesse dare un aiuto, riportiamo di seguito gli estremi bancari per poter effettuare un versamento:

OPIFICIO DELLE PIETRE DURE

IBAN IT41 W 05034 02801 000000004096

BANCO POPOLARE DI MILANO S.P.A

Causale: “SALVIAMO LE CERE BOTANICHE”.

Per informazioni contatta Chiara Nepi

 
ultimo aggiornamento: 20-Lug-2017
Unifi Home Page

Inizio pagina