Salta gli elementi di navigazione
banner
logo ridotto
logo-salomone
MSN Museo di Storia Naturale

Collezione xilologica

Il nucleo iniziale della xiloteca risale ai primi anni del Museo granducale. Essa fu poi notevolmente incrementata sotto la direzione di Filippo Parlatore con legni italiani, africani e americani. Alcune donazioni di questo periodo si caratterizzano per la particolare preparazione dei reperti, come ad esempio quelli della donazione Emanuele Orazio Fenzi, sotto forma di tronchetti incernierati e apribili, quelli donati da Felipe Lopes Netto, a forma di libretto, o quelli in forma di sezioni sottili che costituiscono la famosa Xylotomotheca allestita da Adriano Fiori a corollario della Flora Italica Exsiccata. L’incremento della collezione, per lo più formata da tavolette preparate secondo le norme internazionali (dimensioni: 10 x 7 x 2 cm), è proseguito in modo più o meno regolare fino agli anni ’80 del XX secolo. Oggi si contano quasi 5.500 campioni provenienti da tutto il mondo, con numerose serie di duplicati, per un totale di circa 30.000 reperti.

 
ultimo aggiornamento: 01-Ago-2017
Unifi Home Page

Inizio pagina