Salta gli elementi di navigazione
banner
logo ridotto
logo-salomone
SMA Sistema Museale di Ateneo
Home > Eventi > Custodi erranti. Uomini e lupi a confronto
Stampa la notizia

Custodi erranti. Uomini e lupi a confronto

custodi_erranti

Intervengono

Guido Chelazzi, Professore di Ecologia, Università degli Studi di Firenze

Duccio Berzi, Tecnico faunistico e Presidente dell’Associazione Canislupus Italia

Sarà presente l’autore

 

Venerdì 20 aprile, ore 17.30 (ingresso libero)

Museo di Antropologia, via del Proconsolo, 12 (Aula 1 piano terra)

 

Il Museo di Antropologia sarà sede dell’incontro per la presentazione del libro "Custodi erranti. Uomini e lupi a confronto" (Pandion Edition) del biologo e fotografo Matteo Luciani. Un inedito progetto fotografico durato tre anni riguardo una breve (ma al contempo lunghissima) storia che conduce al difficile rapporto tra il lupo e la pastorizia e sulle possibili strategie per una coesistenza duratura. Una storia in cui lupi e uomini non vengono documentati in maniera separata, ma come due vite parallele che si incontrano e che condividono tra loro molto più di ciò che si è portati a pensare, in un contesto ambientale ricco di personaggi e luoghi straordinari. Tutte componenti legate tra loro da un filo, il quale potrebbe spezzarsi con grande facilità.

Una scommessa e un contributo per le presenti e future generazioni, nel valorizzare, riavvicinarsi e vivere personalmente il nostro straordinario patrimonio naturalistico (dal quale noi tutti dipendiamo) e nel risolvere importanti problematiche che riguardano la coesistenza tra il lupo ed alcune antiche attività umane legate all’ambiente in cui questo straordinario e indescrivibile predatore vive e ha vissuto per millenni.

L’incontrò inizierà con un intervento del Prof. Guido Chelazzi e del Dott. Duccio Berzi per poi passare alla presentazione del libro.

Seguirà un dibattito in cui i relatori risponderanno alle domande del pubblico.

 

Matteo Luciani nasce a Roma. Da sempre affascinato dalla complessità e dalla bellezza della natura, decide di conseguire un percorso universitario triennale e magistrale in Ecologia.
Per poter comprendere al meglio ciò che legge sui libri universitari e sulle guide naturalistiche, si reca spesso in diverse località dell’Appennino centrale. Durante le sue passeggiate sente il bisogno di immortalare la diversità e la bellezza dalla quale era circondato; così decide di acquistare la sua prima macchina fotografica, senza sapere che la fotografia sarebbe diventata, da lì a breve, parte integrante della sua vita.
Con il tempo, la fotografia gli ha permesso di inglobare argomenti diversi ma strettamente correlati tra loro e che insieme rappresentano la base di alcuni suoi progetti fotografici.
Uno degli obiettivi principali che traspare dai suoi lavori è quello di far riavvicinare l’uomo, con un approccio curioso, rispettoso, entusiastico ma soprattutto coscienzioso, al contesto naturale, semi-naturale e sociale dal quale egli dipende.

Molte delle sue fotografie, articoli scientifici e divulgativi sono stati pubblicati su diverse riviste del settore come Terre Sauvage, Biological Conservation, Mammalian Biology, Gazzetta Ambiente, ricevendo menzioni speciali tra cui “Le Coup de coeur du Jury” nell'edizione 2016 del Nature Images Awards (indetto dalla IUCN – Unione Mondiale per la Conservazione della Natura).

Informazioni e prenotazioni

sito di Matteo Luciani

Unifi Home Page

Inizio pagina