Salta gli elementi di navigazione
banner
logo ridotto
logo-salomone
MSN Museo di Storia Naturale

Rose

 Le rose in fila è un allestimento dedicato alla storia della rosa orticola che viene esemplificata attraverso rose Botaniche e varietà Antiche e Moderne. Il percorso si snoda in diverse parti del giardino.

La storia della rosa orticola è esemplificata in un percorso che si snoda attraverso vari settori del Giardino e ripercorre i passaggi fondamentali attraverso rose Botaniche, varietà Antiche e Moderne.

Fra le specie Botaniche (selvatiche) sono state introdotte quelle utilizzate nell’antichità o da grandi paesaggisti moderni, oltre a piante madri - come Rosa wichurana Crép. - di cultivar particolarmente significative.

Le rose Antiche sono gli ibridi utilizzati dall’uomo fino al 1867: sono presenti quelli conosciuti fin dall’antichità e utilizzati in Europa prima dell’avvento delle rose Cinesi che portarono, nella discendenza, la rifiorenza e il colore rosso carminio. Il Quadro 11 accoglie rose Botaniche, rose Antiche, rose cinesi e alcuni esempi di Tea, Ibridi Perenni, Bourbon, Portland.

Le rose Moderne sono quelle ottenute a partire dal 1867, data dell’ottenimento della rosa ‘La France’ da parte del francese Guillot fils. Una selezione è coltivata nel Quadro 9 con esempi legati al miglioramento del colore: la screziatura, l’azzurro, le sfumature e la fotosensibilità e un omaggio alle rose Inglesi di David Austin.

Le aiuole di fronte alla palazzina d’ingresso ospitano le rose del Plebiscito: varietà votate e premiate per varie caratteristiche – rifiorenza, bellezza del fiore, profumo e colore - in un Plebiscito del 1878 promosso da Friederich Schneider, Presidente della Società d’Orticoltura di Wittstock (Prussia), assieme con i Presidenti di altre Società Orticole europee.

La testimonianza più antica della presenza di rose nell’Orto Botanico di Firenze è il Catalogo delle piante redatto da Pier Antonio Micheli del 1748 che descrive 16 rose, soprattutto selvatiche. La successiva traccia è relativa ad Antonio Targioni Tozzetti che nel Catalogo delle piante dell’Orto del 1841 ne elenca 39. Un manoscritto del 1878 con la registrazione sistematica di tutte le piante dell’Orto riporta le introduzioni di rose a partire dal 1892 e quelle avvenute, seppur in modo sporadico, fino ai primi decenni del XX secolo. Le ulteriori, importanti acquisizioni furono fatte nel 1948, quando furono piantate 14 rose provenienti dall’ Istituto Agrario delle Cascine di Firenze e 18 dal Vivaio Mati di Pistoia. Negli anni novanta fu realizzato un settore dedicato al giardino storico che comprendeva anche le rose Botaniche e Antiche. La revisione delle rose esistenti, la necessità di allestire un percorso dedicato alla storia della rosa orticola e che fosse ben leggibile dai visitatori, ha portato alla realizzazione, negli anni 2000-2010 dell’allestimento “Le rose in fila”, realizzato grazie alla collaborazione con la rodologa Franca Vittoria Bessi.

La collezione è di supporto per le attività didattica focalizzate sull’evoluzione delle rose orticole.

 
ultimo aggiornamento: 24-Nov-2017
Unifi Home Page

Inizio pagina