Indirizzo

Via del Pian dei Giullari 42
50125 Firenze

Mappa

Informazioni

Lun-ven
Tel. 055 2756444

Orario

Sabato e domenica
con visita guidata e prenotazione obbligatoria

Chiusura

Biglietti

Gruppi (max 25 persone) € 250,00

Accessibilità

Prenotazioni e Guide Turistiche

Tel. 055 2756444
edu@msn.unifi.it

Eventi

Deve il nome alla sua esposizione e al podere che declina sul colle di Arcetri intorno a Firenze. Fu l’ultima dimora di Galileo Galilei.

Nel 1633, dopo l’abiura e la condanna da parte del Tribunale del Sant’Uffizio, Galileo ottiene di poter scontare gli arresti domiciliari nella villa. Nonostante i severi controlli ed impedimenti, Galilei vi portò a compimento alcune sue grandi opere scientifiche.

Sebbene spoglia e senza arredi, la villa conserva intatto il suo fascino. Nel  salotto dove lo scienziato riceveva i suoi ospiti, nello studio posto nella parte più soleggiata della casa e nella camera da letto sono ancora visibili sulle pareti tracce degli originali decori, come originale è anche il pavimento in cotto. L’unica finestra della camera gli permetteva di scorgere il convento dove si trovavano le figlie, anche se oggi la vista è impedita da un alto cipresso. Il primo piano, che era riservato alla servitù, ha subito restauri che ne hanno mutato gli ambienti. E’ composto da alcune stanze con travi a vista e da un ampio loggiato che offre una veduta suggestiva. Ed era proprio questo il luogo usato da Galileo per poter proseguire, nelle ore notturne, quelle osservazioni astronomiche che tanti guai gli avevano procurato.

La villa è strutturata intorno al cortile interno con la caratteristica forma a U e la facciata interna presenta, sui due lati corti, due ordini di colonne tuscaniche senza archi né volte.

La facciata esterna, semplice e lineare, è interrotta da alcune finestre incorniciate con pietra serena e da una nicchia in cui, nel 1843, fu posto il busto di Galilei.