Salta gli elementi di navigazione
banner
logo ridotto
logo-salomone
MSN Museo di Storia Naturale

Strumenti

La collezione di strumenti antichi è costituita da oltre 50 esemplari, rappresentanti gli apparecchi di uso comune a partire dalla fine dell’800, dopo l’istituzione dell’Istituto di Studi Superiori (1859), la cui sezione di Scienze in pratica coincideva col Museo. Allora gli strumenti venivano acquistati da ditte, molto spesso straniere, e talvolta modificati nelle officine interne per adattarli all’uso specifico, per cui non sempre si rintracciano i dati esatti dell’apparecchio originale.
Accanto a svariati microscopi (alcuni con data di fabbricazione: 1875, 1880, 1901), dotati spesso di una parte ottica di elevatissima qualità anche per gli standard odierni, troviamo uno sclerometro (per misurare la durezza del minerali) del 1881, costruito da E.Schneider di Vienna, perfettamente funzionante. Sempre nell’ambito della dotazione del laboratorio, importantissime erano le bilance, visto che l’analisi chimica si basava in massima parte su saggi e le pesate erano essenziali. Ai primi del ‘900 risale la cassetta con i saggi per via secca, completa della scheda per identificazione dei minerali. Ma anche fuori dai laboratori, in campagna, era necessaria una strumentazione, che però doveva risultare facilmente trasportabile e compattabile in un piccolo spazio; ecco così le cassette per analisi di campagna, presenti in due esemplari, rispettivamente datati intorno al 1870, costruita da Osterland di Freiberg e 1883, costruita da Leonardi e Zambelli di Torino. Ma l’attività esterna andava anche documentata e quindi ecco la presenza di numerose macchine fotografiche, risalenti al periodo fine ‘800 – primi ‘900. E ancora, pinzette a tormalina, per lo studio della polarizzazione della luce, rapportatori di angoli e goniometri di Wollaston per le misure cristallografiche, bilance di Westphal per le determinazioni di densità.
Gli strumenti antichi, presenti in Museo dalla sua istituzione, sono descritti in cataloghi specificamente dedicati che sono oggi conservati presso il Museo Galileo, fondato nel 1930 proprio per valorizzare queste apparecchiature.

 
ultimo aggiornamento: 28-Lug-2017
Unifi Home Page

Inizio pagina