Lingua

INFORMAZIONI

Herbaria

Bilancio sociale

Gruppi di Studio e Laboratori

Home page - Ricerca scientifica - Studi sul territorio - BAT BOX: un pipistrello per amico
 21-Mar-2009   Stampa la pagina corrente   Stampa tutto   Mostra la posizione di questa pagina nella mappa

BAT BOX: un pipistrello per amico

Per contribuire alla conservazione di questo straordinario gruppo animale, gli zoologi del Museo di Storia Naturale di Firenze, con la collaborazione di Unicoop Firenze, hanno messo a punto un progetto per la diffusione delle bat box, piccole casette di legno da utilizzare per offrire nuovi rifugi a questi efficienti predatori di insetti. Le nostre bat box sono studiate per attrarre proprio i pipistrelli che frequentano gli ambienti urbanizzati, e potranno essere appese alla parete esterna della casa, meglio se al riparo sotto la grondaia del tetto. Quando tali rifugi saranno colonizzati avremo per alleato un formidabile cacciatore di insetti.

 

Le nostre Bat Box sono distribuite, al prezzo di costo di 23,90
euro, negli ipermercati e nei più grandi supermercati COOP
di tutta Italia. Per l'elenco dei punti vendita e per essere
sempre aggiornati sui nostri bat-eventi e iniziative
Vai all'elenco dei punti vendita
 
guida bat box
Insieme alla bat box viene distribuita una nostra breve guida per scoprire tutto o quasi sui pipistrelli, conoscere le loro abitudini e tante curiosità sul loro mondo notturno. Da questanno, la guida è stata rivisitata in chiave più divulgativa e accattivante grazie alla collaborazione con Disney Italia che ha deciso di sostenere il nostro progetto.

E possibile scaricare la precedente versione della guida, contenente comunque tutte le informazioni relative al progetto. Vai alla guida .pdf

Ma la promozione 2010 non si ferma qui: a partire dal mese di Aprile, nei negozi COOP aderenti alliniziativa è possibile ricevere in omaggio uno splendido fumetto dedicato ai nostri amici pipistrelli!

 

copertina paperino
 
Grazie alla vasta distribuzione delle nostre bat box abbiamo potuto avviare una ricerca scientifica per raccogliere dati sperimentali utili a ottimizzare l'impiego dei rifugi artificiali e per coinvolgere direttamente le persone sui temi della conservazione e della lotta biologica alle zanzare in alternativa all'uso indiscriminato di pesticidi. Partecipate a questa sperimentazione! Sarete periodicamente aggiornati sulle più curiose novità in campo chirotterologico. Compilate la nostra scheda di posizionamento e monitoraggio, fornita insieme alla bat box, e inviatela tramite e-mail all'indirizzo batbox@unifi.it oppure tramite fax al numero 055 225325.
 
bat box
 
I rifugi artificiali per pipistrelli, meglio conosciuti come bat box, vengono comunemente utilizzati per scopi scientifici. Nella letteratura specializzata, ma anche in internet, possiamo trovare vari modelli di bat box, diversi per forma e materiali. Ognuno di essi si adatta a particolari situazioni e soprattutto è studiato per particolari specie. Se si usa la bat box sbagliata, molto difficilmente questa verrà colonizzata e così avremo perso del tempo e l'opportunità di dare una casa ai nostri amici alati. Le bat box messe a punto dagli zoologi del Museo di Storia Naturale dell'Università di Firenze insieme a Unicoop Firenze sono il risultato di studi ed esperienze dirette condotte in questi ultimi anni. Progettate per favorire le specie di pipistrelli più frequenti negli ambienti urbani e suburbani italiani, offrono un rifugio sicuro dai predatori e sono studiate in modo che la temperatura al loro interno possa stratificarsi per offrire agli animali la possibilità di scegliere il microclima ottimale.

pipistrelli dentro batbox

pipistrelli dentro batbox

bb_ragazza.jpg
   
schema costruttivo bat box
Non è difficile costruirsi da soli una bat box (scarica lo schema fai da te), ma occorre sapere che sono necessari pannelli di legno di almeno 1,5 cm di spessore e un trattamento da esterni con vernice ad acqua. In ogni caso non usare materiali particolarmente odorosi o peggio tossici, mal tollerati dai pipistrelli. Assicurarsi che la superficie interna della bat box sia abbastanza ruvida per permettere l'appiglio dei pipistrelli. Verificare la perfetta tenuta delle giunture tra le tavole, in modo da consentire quella stratificazione verticale interna della temperatura che tanto piace ai nostri piccoli amici. Dopo aver costruito il vostro rifugio artificiale potrete partecipare alla sperimentazione inviando un'apposita richiesta all'indirizzo di posta elettronica batbox@unifi.it. Vi inoltreremo così la scheda di posizionamento e monitoraggio in formato elettronico, necessaria per comunicarci i vostri dati. È opportuno precisare che finora soltanto pochi rifugi artificiali costruiti autonomamente di cui abbiamo notizia sono stati colonizzati, vi invitiamo dunque a cimentarvi nella costruzione "fai da te" solo nel caso abbiate a disposizione le opportune strumentazioni e una buona manualità.
.

Il periodo migliore per l'installazione delle bat box è il mese di marzo, all'arrivo della buona stagione, in modo che i pipistrelli le possano trovare durante i loro primi voli al risveglio dal letargo invernale. E comunque importante posizionare la bat box il prima possibile, in modo che questa perda lodore di nuovo ed i pipistrelli la percepiscano come sicura. Ricordiamo che il periodo in cui più facilmente i pipistrelli colonizzeranno le bat box è durante i mesi più caldi (da aprile a settembre), quando le temperature più alte favoriscono la presenza di numerosi insetti e lattività dei pipistrelli è dunque maggiore. Alle nostre latitudini durante l'inverno i chirotteri si ritirano per lo più in grotte e cavità sotterranee dove, salvo sporadiche uscite, trascorrono in stato di letargo tutto il periodo invernale. Applicando questa particolare strategia riescono a superare brillantemente la stagione sfavorevole. Sappiamo tuttavia che non è raro che i pipistrelli passino linverno nelle bat box, è dunque opportuno non rimuovere i rifugi artificiali durante i mesi invernali. E' bene sottolineare infine che sono sempre i pipistrelli a scegliere il loro rifugio e non è proprio possibile trasferirli forzatamente nelle bat box! Anzi, rammentiamo che la legge li protegge rigidamente e vieta anche di manipolarli, se non dietro rilascio di specifici permessi accordati dal Ministero dellAmbiente solo per motivi di studio.
Per qualsiasi altra informazione o curiosità sull'iniziativa è possibile rivolgersi all'indirizzo:
batbox@unifi.it

 

collaborazioni Collaborazioni logo Bat-Art
grafico Risultati della sperimentazione pipistrello Attività del Museo per i pipistrelli
maglietta Gadget giornale Rassegna stampa
zanzara CNR - lotta biologica alle zanzare corda Link utili
FAQ FAQ - Frequently Asked Questions youtube Video su youtube

anno del pipistrello anno internazionale del pipistrello
 
Home page - Ricerca scientifica - Studi sul territorio - BAT BOX: un pipistrello per amico

Via La Pira, 4
50121 Firenze (FI)

telefoni - fax
email - PEC

|sedi - mappe

Marsilius - Motore di ricerca dell'Ateneo Fiorentino - logo
 
- progetto e idea grafica CSIAF - contenuti e gestione a cura del Museo - Responsabile Tecnico del sito